Cronaca. Griffe contraffatte: due arresti e sequestro da 18 milioni di euro in provincia di Rimini

Giovedì 23 Maggio 2019
Nell'operazione impegnati centinaia di militari della Guardia di Finanza, coordinati dal Comando Provinciale di Rimini

Operazione "Eden brand" della Guardia di Finanza: sgominata banda dedita a contraffazione e auto riciclaggio

Gucci, Adidas, Dior, sono alcuni dei marchi che un gruppo criminale dedito alla contraffazione aveva utilizzato sul mercato. La banda e' stata sgominata dalle Fiamme Gialle che, da questa mattina, hanno messo in atto una vasta operazione di polizia giudiziaria, denominata "Eden brand", in materia di contraffazione internazionale di marchi e auto-riciclaggio, che vede impegnati centinaia di militari appartenenti a 90 Reparti della Guardia di Finanza, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Rimini. E' stata disposta l'applicazione di misure cautelari personali a carico di quattro imprenditori originari e residenti in provincia di Rimini (arresti domiciliari per un'imprenditrice di Riccione e il titolare di una ditta con sede a San Marino, residente a Talamello, e due misure interdittive dell'esercizio della professione), nonche' il sequestro preventivo di tre aziende, delle quote societarie di 5 societa', 12 immobili, un'imbarcazione e svariati rapporti finanziari del valore di 18 milioni. 

Il sequestro e' stato disposto sia sul prodotto e profitto dei reati di contraffazione e auto-riciclaggio, ma soprattutto sull'ammontare complessivo del patrimonio mobiliare e immobiliare riconducibile agli indagati, di gran lunga sproporzionato rispetto ai modesti redditi dichiarati. A tal riguardo, nel corso delle indagini sul principale indagato, i finanzieri hanno rinvenuto e sequestrato, in 5 cassette di sicurezza, oltre 1,6 milioni di euro in banconote di vario taglio. Contemporaneamente, in 15 regioni italiane e a San Marino, sono stati sequestrati circa 500 mila capi d'abbigliamento illecitamente commercializzati dalle societa' coinvolte e relativi alle seguenti griffe: Thrasher, Adidas, Fila, Vans, Nike, Gucci, MC Donalds, Lacoste, Supreme, Vetements, Pyrex, Rolex, Don Perignon, Balenciaga, Stan Smith, New balance, Tommy, Dior, Nike, Levi's, Herme's, Moet et Chandon.

Le indagini furono avviate nell'ottobre 2017 dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Rimini. Secondo la ricostruzione delle fiamme gialle gli indagati hanno posto in essere un sofisticato meccanismo di frode grazie al quale hanno prodotto e commercializzato centinaia di migliaia di capi d'abbigliamento contraffatti, utilizzando l'escamotage della fraudolenta registrazione a San Marino di marchi gia' esistenti e internazionalmente tutelati. Le indagini, in poco piu' di un anno, hanno consentito di denunciare alla magistratura 35 soggetti e di individuare i canali di produzione, stoccaggio e vendita del materiale contraffatto, con imponenti sequestri sia in Italia che a San Marino. In pochi mesi di attivita' l'ammontare dei profitti illeciti realizzati dagli indagati e' stato stimato in due milioni di euro poi reimpiegati, secondo l'accusa, in azienda. Da qui deriva la contestazione del reato di auto-riciclaggio