La scomparsa di Terenzio Medri. Le reazioni di Andrea Corsini e di Eugenio Fusignani a nome del Pri

Lunedì 14 Maggio 2018

"Con le lacrime agli occhi e un profondo senso di tristezza voglio ricordare un amico. Terenzio Medri per me è stato soprattutto un grande amico. Mi è sempre stato vicino nei passaggi più importanti del mio percorso nelle istituzioni, regalandomi consigli e stimoli sempre costruttivi. Forse un giorno tutti si renderanno conto del vuoto che lascia come uomo e come costruttore di idee e progetti per lo sviluppo della sua ragione di vita, il turismo. Un abbraccio fortissimo alla famiglia di Terenzio. Mi mancherai." Così l'Assessore regionale al Turismo Andrea Corsini sulla scomparsa di Terenzio Medri.

 

"Con Terenzio Medri scompare non solo un imprenditore illuminato ma scompare anche un'idea originale e vincente di turismo, pensata e propugnata da uno dei più importanti protagonisti del settore, sia a livello regionale che nazionale. Di valori Repubblicani, Medri aveva scelto Cervia come residenza, continuando in ogni caso ad avere sempre un orizzonte regionale e nazionale. Per questo lo piange tutto il territorio: perché, con le sue intuizioni, è stato in grado di promuovere il turismo nella nostra regione e di porsi come innovatore in campo enologico, contribuendo in maniera determinante a sviluppare e promuovere il mondo del vino Romagnolo in Europa e nel mondo. Alla famiglia i sensi del mio più profondo cordoglio e quello di tutti i Repubblicani della provincia di Ravenna." Queste invece le parole di Eugenio Fusignani Segretario Provinciale del PRI di Ravenna.